MASTER IN MANAGEMENT DEI SERVIZI
E DELLE POLITICHE DEL LAVORO

 

 

BORSE DI STUDIO

5 BORSE INPS
10 BORSE LINK CAMPUS UNIVERSITY

Vademecum, Bando e domanda di partecipazione

Finalità

Il Master in Gestione delle politiche del lavoro mira a formare una figura manageriale che sia in grado di valutare, analizzare, gestire e dirigere in base alle conoscenze fornite le politiche attive del lavoro in un azienda o ente.

Le finalità didattiche del Master in Management dei Servizi e delle Politiche del Lavoro, sono volte a sviluppare:

  • conoscenza delle politiche attive e del sistema dei servizi per il lavoro in Italia e in Europa;
  • conoscenza ed analisi degli strumenti, delle politiche e dei servizi per il funzionamento del mercato del lavoro;
  • promozione della capacità d’agire delle persone e della competitività delle imprese sul territorio e sui mercati;
  • capacità d’agire e di innovare nelle fasi di sviluppo e come antidoto alle situazioni di crisi;
  • conoscenza dei modelli di funzionamento e promozione del welfare per il lavoro sul territorio e del welfare aziendale, nel rapporto tra benessere e produttività;
  • conoscenza degli strumenti metodologici per l’analisi dell’impatto delle politiche e degli incentivi del lavoro;
  • conoscenza e valutazione degli strumenti per la progettazione degli interventi di promozione del capitale umano, in azienda, sul territorio e nel rapporto tra impresa e contesto locale di riferimento;
  • sviluppo delle competenze e dei contenuti professionali necessari per operare nei servizi e nelle istituzioni del mercato del lavoro;
  • conoscenza delle principali metodologie di management degli operatori dei servizi per il lavoro e per le politiche attive.

ORGANI

Il Direttore Scientifico
Romano Benini
Docente presso la facoltà di Scienze politiche dell’Università "La Sapienza" di Roma e docente di politiche e servizi per il lavoro presso la Scuola di Alta formazione della Fondazione Studi del Consiglio nazionale dei consulenti del lavoro.

 

COMITATO SCIENTIFICO

Vincenzo Scotti, Presidente Link Campus University
Vanna Fadini, Presidente di Global Educational Management Srl
Mauro Boati, Coordinatore e consulente di Assolavoro
Rosario de Luca, Presidente Fondazione studi consulenti del lavoro
Sebastiano Fadda, Docente ordinario di economia de lavoro presso Università degli Studi Roma Tre
Massimo Fiaschi, Direttore ManagerItalia
Salvatore Pirrone, Direttore generale Anpal
Andrea Pugliese, Consulente sulle politiche del lavoro
Nicola Rossi, CEO Monster Italia
Maurizio Sorcioni, Dirigente di Italialavoro
Massimo Temussi, Direttore ASPAL (Agenzia delle Politiche Attive della Regione Sardegna)
Giovanni Verreschi, CEO  Ettsolutions
Stefano Zanaboni, CEO di Agenzia per il lavoro

DOCENTI

Mauro Boati
Coordinatore del Gruppo politiche attive di Assolavoro. Docente sui temi delle politiche del lavoro per l’occupazione e per lo sviluppo delle imprese per l’Università Cattolica e Sda Bocconi management. Dirigente dell’area “servizi per il lavoro pubblici e privati” di Italia Lavoro S.p.a.; Consigliere di ASFOR. Consigliere del tavolo nazionale di monitoraggio delle esperienze e delle metodologie di formazione sviluppate con il supporto dell’ITC – le linee guida per l’e-learning e lo sviluppo del web2.0.

Marco Leonardi
Membro del Comitato scientifico per il monitoraggio della riforma del mercato del lavoro per il Ministero del Lavoro. Membro del Comitato scientifico di Eupolis. Membro del consiglio di AIEL “Associazione Italiana Economisti del Lavoro. Dal 2010 è Professore associato di Economia per l’Università Statale Milano. Da gennnaio 2004 è ricercatore affiliato IZA, Istituto per lo studio sul lavoro, Bonn.

Paola Motta
Consulente esperta nei processi formativi, di sviluppo, ricerca e comunicazione nelle organizzazioni, opera nel contesto di aziende dei settori industriali, dei servizi e della Pubblica Amministrazione per conto di diverse agenzie di formazione, tra cui Mercer, Eni Corporate University e altre.

Roberto Pettenello
Dal 1979 al 1983 é stato membro della Segreteria Nazionale della Cgil Scuola – Università, con l’incarico di seguire le politiche contrattuali, l’educazione degli adulti, l’aggiornamento degli operatori della scuola. Dal 1990 al 1998 ha ricoperto l’incarico di responsabile delle Politiche Comunitarie della formazione e dei Programmi Comunitari di formazione professionale e ricerca nella Cgil Nazionale. Dal 2002 al 2012 ha ricoperto presso la Federazione Formazione e Ricerca e poi presso il Dipartimento formazione e Ricerca della CGIL Nazionale, l’incarico di responsabile delle politiche europee ed internazionali della formazione, ivi compreso il Fondo Sociale Europeo, delle politiche per l’educazione degli adulti e la formazione continua, della contrattazione della formazione.

Andrea Pugliese
Attività di consulenza strategica e progettuale Sviluppo Lazio, Zetema, e-TT Solutions, Conform, Italialavoro Spa. Docente in servizi per il welfare, politiche comunitarie, comunicazione pubblica, progettazione comunitaria; politiche del lavoro, servizi per l’impiego, tecniche per la ricerca del lavoro, analisi delle professioni, orientamento al lavoro e alla formazione, recruitment 2.0.

Maurizio Sorcioni
Dirigente Responsabile Ufficio di Statistica (SISTAN) ed Area studi e ricerche sul mercato del lavoro – Italia Lavoro S.p.a. Responsabile Settore Processi Formativi e Valutazione delle Politiche Pubbliche della Fondazione CENSIS. Nel 2013 è Membro del Gruppo Tecnico del Ministero del lavoro per lo sviluppo del sistema di monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro. Ha svolto attività di docenza nel Master sulla Comunicazione Pubblica realizzato dalla LUMSA sul tema della valutazione delle politiche pubbliche.

Luigi Serio
Responsabile della practice “Persone e processi organizzativi”, della Fondazione Istud. Responsabile del Master in Human Resource Management, accreditato Asfor. Segue progetti formativi e di posizionamento strategico per ICE, Ministero del Welfare e Ministero della Ricerca Scientifica, Regione Lombardia e Piemonte, Provincia di Milano e del Verbano Cusio Ossola, Comuni, Confindustria nelle sue articolazioni territoriali, Confartigianato, CNA, World Bank, Unione Europea, ONG e Agenzie Speciali dell’Unione Europea.

Massimo Temussi
Direttore Agenzia del Lavoro della Regione Sardegna

Iscrizione e accesso al Master

I candidati al Master, per essere ammessi alla prova di selezione, devono essere in possesso di Laurea Triennale (requisito minimo per l’ammissione al Master) o Specialistica, di Laurea Magistrale e/o di Laurea Vecchio Ordinamento, conseguita in una Università degli Studi della Repubblica Italiana o altro Istituto Superiore equiparato, o di altro titolo equivalente conseguito presso altra Università, anche straniera, a condizione che il medesimo sia legalmente riconosciuto in Italia.

I candidati in possesso di un titolo accademico conseguito all’estero dovranno essere in possesso della dichiarazione di valore del titolo conseguito, rilasciata dalle competenti rappresentanze diplomatiche o consolari italiane del paese in cui hanno conseguito il titolo.

I requisiti devono essere posseduti e dimostrati alla data di scadenza del bando di Ateneo, pena la non ammissione alla prova di selezione del Master.

La retta senza agevolazioni per l'iscrizione al Master è di 12.000 euro. Il contributo di Iscrizione è di € 500,00.

PIANO DI STUDI

ore

UNIT 1 – INSEGNAMENTI FONDAMENTALI

  • Storia e sociologia del lavoro:
    • elementi di storia del lavoro (capacità d'agire, autonomia e saper fare nella vicenda storica)
    • i principi della sociologia del lavoro e dei lavori
  • Istituzioni del mercato del lavoro e delle politiche attive:
    • promozione del lavoro e modelli politici nazionali: il ruolo dell'attivazione
    • istituzioni e indicatori dell'economia e del mercato del lavoro
    • analisi economica e del mercato del lavoro: fonti, strumenti e tecniche
    • tendenze del mercato del lavoro in italia
    • struttura ed evoluzione delle politiche del lavoro in italia e in europa
  • Legislazione del lavoro italiano ed europeo e programmazione degli interventi:
    • l'evoluzione della legislazione italiana del mercato e dei servizi per il lavoro
    • elementi di diritto del lavoro
    • la legislazione europea del mercato e dei servizi per il lavoro
    • il sistema di governance del lavoro in europa l'evoluzione in atto
    • la legislazione e la programmazione europee delle politiche attive
    • gli interventi di riforma del lavoro nella pubblica amministrazione
  • Fondi strutturali europei: programmazione, progettazione e gestione:
    • i fondi europei per il lavoro e la formazione
    • l'agenda europea 2014 - 2020 delle politiche per il lavoro
  • Strumenti e regole del mercato e delle politiche del lavoro:
    • l'impatto socio economico delle politiche per il lavoro: valutazione e misurazione
    • il sistema dei servizi pubblici per il lavoro: missione, modalità e funzionamento
    • il sistema dei servizi privati per il lavoro: missione, modalità e funzionamento
    • la legislazione e la programmazione italiane delle politiche attive
  • Evoluzione dei modelli organizzativi del lavoro nel sistema pubblico e delle relazioni industriali:
    • l'evoluzione delle relazioni industriali e dei modelli contrattuali nel sistema privato e pubblico
    • l'impatto della evoluzione dei modelli organizzativi sul lavoro in azienda e nei servizi pubblici
    • elementi di psicologia del lavoro e di promozione dell’intelligenza emotiva
    • i rapporti tra legge, contrattazione e mercato del lavoro in italia

 

Attività laboratoriali (20 ore)

  • Workshop: rapporto tra industria 4.0 e sviluppo del capitale umano nel sistema formativo e del lavoro
  • Seminario: i nuovi modelli di organizzazione dei servizi pubblici per il lavoro
  • Seminario: la misurazione dell'efficacia delle politiche per il lavoro nel confronto in italia ed in europa, buone e cattive prassi
  • L’assegno di ricollocazione ed il nuovo lavoro occasionale : novità operative
  • Workshop: garanzia giovani : caratteristiche, funzionamento e gestione
ore

UNIT 2 – INSEGNAMENTI FONDAMENTALI DI SETTORE

  • Funzioni ed ambiti della bilateralità:
    • le istituzioni bilaterali del mercato del lavoro
    • formazione continua: la funzione della bilateralità ed i fondi interprofessionali
  • Mercato del lavoro: misurazione e funzionamento:
    • misurazione del funzionamento del mercato del lavoro e sistemi informativi del lavoro
    • il mercato del lavoro dipendente in italia
    • il mercato del lavoro autonomo e parasubordinato in italia
    • il mercato del lavoro professionale in italia
  • Politiche attive e promozione della capacità:
    • gestione delle crisi: aspetti giuridici e contrattuali
    • capacità d'agire, produttività e welfare per il lavoro: il contesto italiano
    • capacità d'agire, produttività e welfare per il lavoro: il contesto europeo
    • la progettazione delle politiche del lavoro sul territorio
    • il placement nel sistema universitario
    • il coaching per la promozione delle risorse umane
  • Sistemi e incentivi al lavoro:
    • tra pubblico e privato: la gestione in rete complementare delle politiche del lavoro
    • i sistemi regionali del lavoro: funzionamento e modelli
    • incentivi al lavoro: legislazione e funzionamento
  • Servizi per il lavoro: modelli e strumenti di gestione:
    • gestione dei servizi di una agenzia per il lavoro: modelli, professionalità, tecniche e strumenti
    • gestione dei servizi di intermediazione: modelli, professionalità, tecniche e strumenti
    • gestione dei servizi pubblici per il lavoro: modelli, professionalità, tecniche e strumenti
    • gestione dei servizi : i sistemi informativi del lavoro sil
    • i sistemi on line di recruiting del personale
    • strumenti di assistenza alla transizione tra lavoro e lavoro: orientamento, formazione tutoraggio e counseling (funzione e organizzazione dei servizi)
  • Servizi e strumenti per la formazione:
    • elementi e strumenti per la gestione dello sviluppo delle risorse umane in azienda
    • formazione e lavoro: contratti e legislazione
    • formazione e lavoro: strumenti, servizi ed iniziative territoriali
    • formazione continua: l'intervento pubblico e privato
  • Bacini territoriali di impiego ed organizzazione del lavoro:
    • i bacini di impiego in italia ed all'estero tra qualità e vocazioni territoriali: distretti, filiere e densità occupazionale
    • i nuovi modelli organizzativi del lavoro in italia ed in europa (dentro e fuori l'azienda)
    • le reti di impresa e l'evoluzione dell'organizzazione del lavoro sul territorio
  • Fondamenti di welfare e contrattazione aziendale:
    • il welfare aziendale: relazioni industriali e strumenti tra produttività e benessere
    • contrattazione e nuove politiche industriali

 

Attività laboratoriali (30 ore)

  • Workshop 1: funzionamento di un osservatorio del mercato del lavoro e di un sistema di monitoraggio sul territorio
  • Workshop 2: il funzionamento di una buona prassi nel sistema pubblico e nel rapporto pubblico e privato
  • Workshop 3: i sistemi informativi del lavoro: evoluzione, prospettive ed esperienze concrete
  • Workshop 4: le relazioni industriali, modelli ed esperienze
  • Seminario 1: missione e funzione delle agenzie per il lavoro
  • Seminario 2: esperienze e modelli di welfare aziendale
  • Seminario 3: come si misura la densità occupazionale del territorio
  • Seminario 4: come si progetta su un territorio una politica attiva verso un target
ore

UNIT 3 – SERVIZI E STRUMENTI PER IL LAVORO ED IL WELFARE AZIENDALE: INSEGNAMENTI FONDAMENTALI

  • Servizi per il mercato del lavoro
    • Certificazione, bilancio di competenze ed inserimento al lavoro
    • La gestione ed organizzazione della ricollocazione
    • Le politiche attive ed i servizi per il reimpiego (outplacement)
    • I servizi di preselezione, intermediazione e di recruting per le imprese
    • Il lavoro sul web e nei social network: tecniche e strumenti dalla rilevazione alla promozione della candidatura
    • Il marketing delle politiche del lavoro sul territorio
    • Autoimpiego e promozione del lavoro autonomo come politica del lavoro in italia ed in europa
    • Analisi, rilevazione e gestione dei fabbisogni professionali delle imprese
  • Welfare aziendale e gestione dei rapporti di lavoro
    • Il sistema e la promozione delle reti dell'apprendimento tra azienda e territorio
    • Politiche, strumenti ed interventi per l'invecchiamento attivo ed il passaggio generazionale
    • Il lavoro agile nei sistemi del lavoro pubblico e privato
    • Diversity management: la promozione della differenza, di genere, d'età e di cultura, come fattore di qualità del lavoro
    • Prassi e metodi di contrattazione del welfare aziendale

 

Attività laboratoriali ( 10 ore)

  • Workshop 1: progettare l’organizzazione di un servizi pubblico attraverso lo smart work;
  • Workshop 2: progettare e predisporre un piano di gestione della ricollocazione degli esuberi;
  • Workshop 4: organizzare e gestire uno sportello pubblico in rete per il lavoro autonomo ai sensi della legge 81 del 2017;
  • Seminario 1: gestione ed organizzazione delle politiche attive per il reimpiego, esperienze pilota di gestione pubblico-privata di politiche pubbliche (case studies)
  • Seminario 2: la somministrazione del lavoro: percorsi di professionalizzazione e di inserimento nel rapporto pubblico-privato.
ore

UNIT 4 – SERVIZI E STRUMENTI PER IL LAVORO ED IL WELFARE AZIENDALE: INSEGNAMENTI SPECIALISTICI

  • La gestione dei fondi europei per il lavoro:
    • Analisi e monitoraggio dei bandi europei: come e dove reperire le informazioni e la documentazione utile
    • Come ideare un progetto europeo: il project design
    • Come presentare una proposta: proposal management (risposta alla call)
    • Come gestire efficacemente i progetti: il project management
  • Le politiche pubbliche di inserimento sociale e l’organizzazione dei servizi di inclusione:Reddito di inclusione e sostegno all’inclusione attiva e altri strumenti di inclusione socio lavorativa e reddito di inclusione
  • Progettazione integrata per lo sviluppo dei territori d’intervento:Mappare gli stakeholder, definire priorità e strategie comuni, progettare interventi, misurare impatti, coinvolgere comunità
  • I nuovi modelli del lavoro e sul ruolo di internet e dei social media:
    Nuove forme organizzative del lavoro: coworking, incubatori d’impresa, la social innovation come strumento di sostenibilità economica, sociale e ambientale, quali competenze per un’economia collaborativa
  • Il web e la ricerca del lavoro: strumenti e percorsi. Costruire e coltivare la propria reputazione on line. Costruire relazioni e conversazioni.
  • Il coaching, il recruiting e la selezione del personale:
    • Il colloquio di selezione in una dimensione di equilibri tra congruità attuale e potenzialità di sviluppo rispetto alla posizione
    • Il coaching in una prospettiva di evoluzione della personalità individuale in un’ottica organizzativa
    • Analisi delle competenze, bilancio delle competenze e progetto professionale

Attività laboratoriali (10 ore)

  • Workshop 1: organizzare un sistema web di gestione del mercato del lavoro
  • Workshop 2: organizzare e gestire uno sportello pubblico integrato tra servizi per l’impiego e servizi sociali

TIROCINIO E STAGE

I tirocini formativi avranno una durata di minimo 320 ore e massimo 800 ore, da svolgersi nell’arco temporale concordato con l’azienda ospitante (da due a sei mesi), coerentemente con le attività del progetto formativo che saranno assegnate al tirocinante.

VUOI SAPERNE DI PIÙ?

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close